Podcast

Corapi a RBN: “Juve come rialzarsi dal crollo mentale. Voci su Thiago Motta delegittimano Allegri. Chiesa...”

Corapi a RBN: “Juve come rialzarsi dal crollo mentale. Voci su Thiago Motta delegittimano Allegri. Chiesa...”
venerdì 16 febbraio 2024, 10:15Podcast
di Quintiliano Giampietro

Sandro Corapi (Mental Coach) ospite a "Fuori di Juve"

Rialzarsi è la missione dei bianconeri. Domani a Verona è obbligatorio fare bottino pieno per cancellare il periodo buio, caratterizzato dalla conquista di un solo punto nelle ultime tre giornate. Qualche dubbio di formazione per Allegri che riavrà Vlahovic e Danilo, ma sarà privo dello squalificato Bremer. Fermo restando ogni discorso di natura tecnico-tattica, la squadra sembra essere crollata sotto il profilo mentale. Le voci sul possibile arrivo a fine stagione di Thiago Motta potrebbero condizionare il lavoro dell'allenatore livornese e in generale dei giocatori. Tra gli altri, resta il problema Chiesa: l'ex viola stenta a ritrovare la forma migliore, quindi una continuità di prestazioni. In ESCLUSIVA a Fuori di Juve il mental coach Sandro Corapi.

Corapi spiega così il momento buio della Juve, certificato dalle ultime tre gare: “Partiamo dalla sfida contro l'Empoli. Generalmente quando una squadra importante e blasonata come la Juve affronta l'ultima della classe o comunque di livello inferiore, si pensa inconsciamente possa essere facile vincere e quindi si tende a pensare sia facuile catturare la preda. Invece non è stato così, anche perché il tecnico dei toscani Davide Nicola prepara molto bene le gare, peraltro era subentrato da poco. Poi l'Inter. Sono sicuro che Allegri avesse preparato in modo feroce la reazione, invece si è trovato di fronte una corazzata che si sta dimostrando potente e con un gioco spettacolare. Quando vai a sbattere contro una squadra così forte perdi le tue certezze, a quel punto dopo aver pensato di essere l'anti-Inter in chiave scudetto, i bianconeri hanno invece capito di avere di fronte a una rivale superiore. Questo ha determinato un crollo non indifferente dal punto di vista psicologico. La sconfitta contro l'Udinese è stata una logica conseguenze perché il ko di San Siro ha tolto alla Juve qualsiasi illusione e convinzione di poter eventualmente contrastare la squadra di Simone Inzaghi. Questa la spiegazione del momento poco felice della squadra bianconera”.

Nel podcast l'intervento integrale