Dopo Pogba e Di Maria la Juventus prepara altri 3 grandi colpi

Dopo Pogba e Di Maria la Juventus prepara altri 3 grandi colpi TUTTOmercatoWEB.com
sabato 2 luglio 2022, 01:00Editoriale
di Nicolò Schira

L’appetito vien mangiando, è proprio il caso di dirlo. Maurizio Arrivabene e Federico Cherubini in tal senso appaiono...insaziabili sul mercato. Una voracità che deve permettere di apparecchiare sul tavolo una nuova Juve da scudetto. Passo fondamentale dopo le ultime due annate in chiaroscuro. I colpi Paul Pogba (settimana prossima visite mediche e firme di rito) e Angel Di Maria sono stati soltanto un ricco antipasto. Nel menù della dirigenza bianconera ci sono ancora 6 acquisti (il più vicino a livello cronologico è Andrea Cambiaso, anche se Radu Dragusin non ha ancora accettato il Genoa...) dei quali ben 3 saranno grandi colpi. Nomi in grado di accendere la fantasia dei tifosi. Un botto per reparto per alzare il livello e tornare a lottare per lo scudetto. In difesa De Ligt verrà sacrificato per motivi di bilancio visto che non appare intenzionato a rinnovare: servono 90 milioni cash almeno per straparlo alla Vecchia Signora. No a contropartite per ora, ma solo cash: questo il desiderio della dirigenza juventina per cedere il centrale olandese che piace a Chelsea, Manchester City e Manchester United. Come sostituto il preferito di Allegri resta Kalidou Koulibaly, per il quale la Juve 20 giorni fa ha incontrato il suo agente Fali Ramadani. Difficile che il Napoli possa venderlo in Italia, ma dalla Continassa appaiono intenzionati a fare un tentativo. Occhio a non dare nulla per scontato. A centrocampo ci sarà un altro innesto di livello oltre al Polpo Paul. Davanti continuano i contatti con Claudio Vigorelli e la Roma per Nicolò Zaniolo. Pronto un quinquennale da 4 milioni netti a stagione più bonus. Il Golden Boy spezzino resta una prima scelta della Juventus, che continua il pressing per il classe ‘99. La Roma ha detto no a tutte le contropartite proposte (Kean, Arthur, McKennie, Fagioli): Tiago Pinto infatti vuole solo cash (50 milioni di euro) per venderlo. In tal senso da parte dei giallorossi c’è stata l’apertura alla formula del prestito molto oneroso (10-15 milioni) con l’obbligo di riscatto. Un segnale di come, a fuoco lento, l’affare sia davvero possibile...