Silvia Campanella a RBN: "Calendario serrato e una Serie A salita di livello dietro l'avvio in chiaroscuro delle Women"

Silvia Campanella a RBN: "Calendario serrato e una Serie A salita di livello dietro l'avvio in chiaroscuro delle Women"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
lunedì 21 novembre 2022, 16:57Esclusive
di Alessio Tufano

Ospite di “Cose di Calcio” su Radio BiancoNera, la giornalista di Tuttosport Silvia Campanella ha parlato del momento delle Juventus Women, apparse in difficoltà come mai era capitato negli ultimi anni in questo avvio di stagione. Di fronte alle supposizioni di alcuni tifosi secondo i quali le ragazze avrebbero deciso di dare priorità alla Champions rispetto al campionato, il suo pensiero è chiaro: “Montemurro ha detto chiaramente che la Champions è bellissima ma il campionato determina tutto. La squadra è più in difficoltà rispetto al recente passato semplicemente perchè il livello si è alzato, ci sono club che ci stanno credendo, penso alla Roma e all'Inter, per cui la Juve fatica sì per cause interne ma anche perchè la Serie A, fortunatamente per il movimento, è molto diversa rispetto a com'era qualche anno fa. Il primo tempo di Parma è stato troppo brutto per essere vero – ha detto riferendosi alla vittoria in extremis del Tardini – ma credo che l'aspetto positivo ci sia, e mi riferisco alla mole di gioco perchè la Juve ha costruito tante occasioni. Ha fatto però troppi errori, come quello di Lundorf in occasione del vantaggio delle emiliane. Le domande da porsi su questa squadra riguardano la concretezza e la finalizzazione che in questa prima parte di stagione sembrano essere un po' mancate. Sicuramente si paga un calendario che adesso è molto serrato per ragazze che fino a due anni fa giocavano con ritmi diversi, ma il professionismo lo impone e bisogna adeguarsi, di sicuro escludo l'appagamento tra le possibili cause di questo appannamento, serve però un rinnovamento e la Juve sta già iniziando a ragionare su un ricambio, anche se è difficile pensare ad una Juventus senza Gama, Girelli, Cernoia...lo stesso allenatore le sta mettendo però in discussione come è giusto che sia. Beernsteyn al momento è molto altalenante, ma ha un potenziale pazzesco, le manca spesso la lucidità nell'ultimo tocco, il vero elemento che un po' sta mancando però è Bonfantini, come ha detto Montemurro questo dovrebbe essere il suo anno ma al momento le risposte da parte sua latitano nonostante sia una ragazza che se si rende conto delle sue qualità può essere tra le migliori in assoluto”. Intanto giovedì in Champions arriva l'Arsenal: “Ci sono un sacco di temi legati all'Arsenal, è l'ex squadra di Montemurro e ha preso Lina Hurtig proprio dalla Juve. Per le bianconere è di certo la partita più importante di questo primo scorcio di stagione e nonostante le inglesi siano fortissime, il fatto che arrivino dalla prima sconfitta, un 2-3 contro il Manchester United che gli è costata il primo posto, potrebbe influire sulle loro convinzioni”.