Turcato a RBN: “Se il CdA si dimette evidentemente qualcosa è successo, ma è assurdo che alcuni organi d'informazione da un paio di giorni abbiano già emesso le sentenze”

Turcato a RBN: “Se il CdA si dimette evidentemente qualcosa è successo, ma è assurdo che alcuni organi d'informazione da un paio di giorni abbiano già emesso le sentenze”TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
giovedì 1 dicembre 2022, 16:13Esclusive
di Alessio Tufano

Enrico Turcato, responsabile di Opta Italia, è intervenuto oggi nel corso di “La Juve in Gol” su Radio BiancoNera: “La Juventus ha fatto benissimo a prendere posizione emettendo nella serata di ieri un comunicato nel quale predicava calma – ha dichiarato commentando i recenti fatti legati alla società bianconera – qui da un paio di giorni ormai si parla già di sentenze. É normale che quando si dimette un intero CdA qualcosa deve essere successo, ma prima di proiezioni catastrofiche bisogna aspettare, anche perchè ho visto citare più volte Calciopoli che è un evento più unico che raro e in quel caso il processo sportivo venne anche svolto in fretta e furia. In questo caso invece, non parliamo di un processo sportivo e credo ci vorrà tempo”. Parlando di stampa 'sensazionalistica' Turcato cita un esempio: “Palomino dell'Atalanta è stato massacrato ad agosto per via della storia di doping ma dopo che lui si è difeso e ha dimostrato di essere innocente non ho letto da nessuna parte le scuse da parte dei tanti che a priori lo avevano attaccato anche duramente. Ci sta che ci sia rumore attorno alla Juventus, ma francamente a volte leggo cose esagerate. Mi ha fatto sorridere a questo proposito la storia dei 20 milioni di Ronaldo, che dal nulla si sveglia, mentre sta disputando i Mondiali con il Portogallo, e dice che la Juve gli deve 20 milioni...mi sembra quantomeno improbabile. Le parole di Gravina? Mi è piaciuta la posizione che ha preso sulla Liga che ha ben altri problemi a cui pensare invece di mettere il naso in quello che succede in Italia, per il resto ha fatto considerazioni giuste, ha voluto abbassare i toni”. Infine un pensiero sul futuro societario: “Un rinnovamento della Juve era già auspicato visti gli ultimi risultati, forse l'inchiesta ha solo accelerato quello che sarebbe comunque avvenuto. La figura che Del Piero è conosciuta a livello internazionale e farebbe molto bene alla Juventus, è rispettato e amato in Italia e all'estero. A livello di competenze legate al settore sportivo anche quello di Giorgio Chiellini è un nome che mi piacerebbe vedere alla Juventus”.