Fifa e Uefa ci prendono in giro.

Fifa e Uefa ci prendono in giro.
giovedì 24 novembre 2022, 16:50Editoriale
di Claudio Zuliani

In principio fu la Superlega ma ora stiamo esagerando. Da una parte la massima istituzione Europea di calcio e dall’altra quella mondiale.Uefa e Fifa così lontane e così vicine nelle loro contraddizioni interne e nelle loro intransigenze verso l’esterno. Il presidente Ceferin  minaccia le squadre che vogliono cambiare le competizioni per club facendo scendere in campo governi (quello inglese su tutti) e  federazioni (quella spagnola in testa). In attesa della decisione della Corte Europea che stabilirà se esiste come esiste il monopolio sportivo da parte della Uefa, Ceferin non sembra essere distratto dall’inchiesta che lo riguarda da vicino:un pagamento di 390.000 euro per una faccenda di ferrovie slovene dove la sua famiglia sarebbe coinvolta, suo lo studio legale che avrebbe ricevuto una commissione fittizia. Eppure il suo prossimo mandato non è rischio per mancanza di avversari. Il presidente della Fifa Infantino che eredita i mondiali in Qatar dopo quelli Russi, lascia che corrano i rumors di tangenti e voti fuori norma dello statuto. Non soddisfatto e forte della sua prossima rielezione (anche lui senza avversari) cerca di giustificare il Qatar che annulla i diritti umani e minaccia le ammonizioni ai capitani che vogliono esibire la fascia arcobaleno. In caso non ve ne foste accorti , le istituzioni del calcio sono diventate una monarchia minacciosa senza possibilità di replica altrui. Usano definizioni come “ il calcio del popolo” ma il loro obiettivo comune è uno solo : produrre denaro per arricchirsi sempre di più. Di voi tifosi non gli frega niente e infatti li ingaggiano come figuranti, in pratica dei cartonati. Delle squadre di club non gli frega niente. I protagonisti sono i giocatori pagati dai club che incrociano le dita per non riaverli infortunati ma il bottino grosso degli incassi in denaro se lo tengono i governanti del regno pallonaro. Il rapporto con le federazioni è sempre più simile ad un baratto medioevale dove l’arroganza garantisce partecipazioni allargate alle fasi finali dei tornei in cambio di nuovi voti. Capite perché diventa fondamentale creare un lega europea alternativa dove andranno all’incasso i soggetti che rischiamo dal punto di vista imprenditoriale?  Viva la superlega , abbasso le istituzioni dalla finta morale!